14 consigli per vivere un’esperienza meravigliosa a Vieste del Gargano

Il Gargano è una terra affascinante che offre al viaggiatore numerose esperienze e moltissime meraviglie da non perdere assolutamente. Spesso però, proprio a causa delle tante cose da fare e da vedere, si perdono di vista i luoghi più affascinanti da visitare e le esperienze più belle da vivere.

Per evitare tutto ciò e per migliorare decisamente la vostra esperienza sul Gargano, abbiamo deciso di scrivere un elenco di consigli, suddivisi per città, sulle cose che assolutamente non potrete perdervi. Partiamo oggi con Vieste, meravigliosa cittadina del promontorio garganico esposta più di tutti nel mare Adriatico con luoghi e meraviglie che vi emozioneranno.

    1. Essendo il famoso monolite del Pizzomunno il simbolo chiave per questa splendida cittadina non possiamo che iniziare il nostro elenco di consigli parlando proprio di lui e della sua amata Cristalda. La roccia del Pizzomunno, alta circa 25 metri è situata proprio ai piedi della città, all’inizio del famoso lungomare E. Mattei. Esso è anche noto per una meravigliosa leggenda che racconta proprio di lui e della sua amata. Secondo questa leggenda, Pizzomunno era un giovane innamorato di una meravigliosa ragazza di nome Cristalda. A causa della gelosia delle perfide sirene però, questi due innamorati vennero divisi; Pizzomunno fu trasformato nel monolite che oggi tutti possiamo ammirare mentre Cristalda fu rapita e portata in fondo al mare. La leggenda continua narrando che ogni cento anni, in una notte di luna piena i due giovani innamorati riprendono vita per incontrarsi di nuovo e vivere il loro sogno d’amore. Proprio in onore di Cristalda è stato costruito un bellissimo monumento che potrete ammirare sull’altro lungomare di Vieste, il lungomare Europa.
    2. Un giro in barca lungo la costa vi lascerà scoprire le meravigliose grotte marine di Vieste. Non si può descrivere con le sole parole l’incredibile fascino di queste opere d’arte naturali; esse, probabilmente anche frutto dell’erosione del mare e del vento offrono uno scenario mozzafiato. Osserverete colori incredibili che si fonderanno con l’intenso azzurro del mare e del cielo, il verde della rigogliosa natura che sembrerà volersi tuffare in acqua e ascolterete il canto del vento, delle onde e dei gabbiani che vi trasporteranno in un tempo sconosciuto e fantastico. In questa esperienza potrete anche ammirare l’incredibile opera d’arte di Madre Natura, l’Architiello di San Felice; arco di roccia in mezzo al mare scolpito esclusivamente dalla forza della natura, un vero capolavoro.  Questa è un’esperienza assolutamente da non perdere.
    3. L’oasi Naturalistica-Archeologica ‘La Salata’, luogo affascinante per la sua storia antica è l’ideale per scoprire le antiche origini di Vieste; le sue origini risalgono nel secolo III-IV d.C. e a gestirla è proprio il WWF. Estesa su un territorio di circa 6000 m2 con una bellissima vegetazione di macchia mediterranea comprende al suo interno la “Necropoli La Salata”, Un meraviglioso complesso sepolcrale paleocristiano con più di 300 antiche tombe scavate nella roccia.
    4. Continuando il nostro itinerario a Vieste, passiamo a visitare il meraviglioso centro storico per scoprire tra le numerose meraviglie anche l’imponente castello Svevo. Edificato da Federico II di Svevia in torno al secolo XIII d.C., esso domina il panorama dal punto più alto dalla città antica. Il centro storico di Vieste vi farà vivere un’esperienza unica, camminerete tra piccole case, borghi e viottoli e sarete inebriati da profumi di prodotti tipici della zona e colori incredibili; le piccole finestrelle, gli archi di pietra antica e le meravigliose piazze che si affacciano sul mare aperto vi faranno emozionare e vi regaleranno un’esperienza indimenticabile.
    5. La Cattedrale di Santa Maria Assunta è un’altra meraviglia da trovare sempre nel centro storico di Vieste. Il suo esterno è in stile romanico-pugliese con uno stupendo campanile in stile barocco mentre le decorazioni artistiche all’interno risalgono al 1700.
    6. Sempre nel centro storico di Vieste è presente la Chianca Amara, un monumento commemorativo dell’invasione dei pirati turchi a Vieste. Questa roccia prende questo nome proprio perché sopra di essa furono decapitati quasi 5000 viestani nell’intento di difendere la propria città dall’attacco del pirata Dragut Rais, nel 1554. Questa roccia è la testimonianza di quanto questa gente ha difeso il proprio territorio, anche a costo della vita.
    7. Il Faro di Vieste è un’altra meraviglia che non potrete perdere; esso è stato costruito nel 1867 ed è ancora oggi di grandissima importanza per la navigazione nelle acque dell’Adriatico grazie anche alla sua incredibile posizione strategica; esso infatti è costruito difronte la città su di un’isola naturale chiamata Scoglio di Santa Eufemia. Su quest’isola naturale si trova anche la grotta di Santa Eufemia; quest’ultima presenta sulle pareti più di 200 scritte in latino e greco risalenti al III secolo d. C. Anche questo è il posto ideale per scoprire le antiche origini di Vieste.
    8. I trabucchi, antiche machine da pesca costruite con pali di legno situati lungo la costa del Gargano, sono funzionanti ancora oggi e sono un’altra meravigliosa caratteristica del territorio. Proprio qui a Vieste possiamo visitare, fra i numerosi trabucchi presenti, Il trabucco di San Francesco che è tra i più antichi di tutta la zona. Esso ha più di un secolo di vita ed è così speciale che è gestito anch’esso direttamente dal WWF (attualmente non funzionante ma comunque emozionante da vedere). Andando in giro per trabucchi quasi sicuramente vi ritroverete ad osservarne qualcuno in funzione, bene, questo è il momento esatto per scoprire il loro funzionamento e la loro origine. Vedrete, sarà un’esperienza a dir poco emozionante.
    9. Le torri costiere di avvistamento sono un altro interessante punto che potrete visitare a Vieste. Esse, costruite nella seconda metà del ‘500 e poste alle punte più estreme della frastagliata costa, servivano come mezzo di avvertimento per le invasioni dei pirati Saraceni. Infatti bastava che da una torre venisse avvistata qualche nave nemica che subito veniva acceso un fuoco di segnalazione, così facendo, le altre torri vedendo il fuoco ne accendevano una altro a loro volta e così per tutto il resto delle torri.
    10. Perché il mare, di un fantastico blu azzurro, è stato sempre motivo di orgoglio e fonte di sostentamento per gli abitanti di Vieste, il Museo Malacologico è quasi un segno di gratitudine. Qui troverete una vastissima esposizione di meravigliose conchiglie, rarissime e uniche al mondo, raccolte in varie posti sulla Terra e collezionate da alcuni appassionati del settore. Pensate che questo museo è tra i più grandi e forniti d’Europa.
    11. Per conoscere ancora meglio gli usi e le tradizioni del popolo viestano, partecipare a una festa padronale sarebbe una cosa assolutamente da non perdere. Ogni anno, il giorno del 23 Aprile si festeggia San Giorgio, patrono di Vieste; il 9 maggio, è la volta della patrona Santa Maria di Merino; quest’ultima è anche un’occasione fantastica per conoscere meglio la cultura garganica e per visitare il Santuario di Santa Maria di Merino e il sito archeologico romano vicino al Santuario. Il 13 Giugno invece si festeggia Sant’Antonio. Anche Settembre ha il suo Santo, dedicato alla protezione del mare e dei pescatori abbiamo la Madonna Stella Maris.
    12. Il Museo Civico Archeologico di Vieste è un altro punto di interesse se siete appassionati di archeologia. Qui infatti potrete vedere i numerosi reperti appartenenti a  questa città, alcuni risalenti addirittura al secolo III.
    13. Per gli amanti delle avventure in spiaggia possiamo consigliare alcune tra le più belle calette e spiagge di Vieste. Proseguendo verso la Litoranea per Mattinata e svoltando per Pugnochiuso, potrete incontrare Baia di Campi, Baia di Porto Greco e Cala La Pergola. Queste sono tutte composte da ciottoli arrotondati e non da sabbia come nel resto delle spiagge; inoltre hanno la caratteristica di essere subito profonde. Restano più vicini alla città di Vieste possiamo approfittare delle bellissime spiaggette di San Lorenzo e di Molinella e perché no provare anche le big, la spiaggia del Pizzomunno, la spiaggia del Lungomare Europa e la spiaggia di Santa Maria.
    14. Come ultimo consiglio, dopo aver visto tutte queste meraviglie naturali e non, c’è quello di assaggiare gli squisiti piatti locali di Vieste, magari degustandoli affacciati proprio sul mare per regalarvi il massimo dell’emozione. Tra i piatti principali che consigliamo c’è il famoso “ciambot”, zuppa di pesce fresco appena pescato, alici e cime di rapa arrancate, orecchiette alle cime di rapa, melanzane e peperoni ripieni e perché no, caciocavallo alla brace, insalata di mare e bruschetta garganica….!!

Questi sono i consigli che abbiamo messo insieme per farvi trascorrere al meglio la vostra esperienza a Vieste. Queste sono le meraviglie principali che questa fantastica cittadina garganica offre al suo amato viaggiatore. E allora cosa aspettate, iniziate a pensare di trascorrere un’esperienza sul Gargano, sarà un’emozione indimenticabile..!

Buona esperienza a tutti..!


P.s.: Se ti è piaciuto il mio articolo ed hai apprezzato il mio impegno metti mi piace e condividilo sui tuoi social attraverso gli appositi bottoni. Inoltre se sei interessato a questo tipo di esperienza Contattami, sarò lieto di aiutarti e consigliarti al fine di garantirti un’esperienza fantastica. Cosa aspetti, io sono quì per te GRATIS, e se ti stai chiedendo perchè GRATIS, sappi che io AMO la mia terra e voglio che chiunque la visiti rimanga più che soddisfatto, quindi spirito, passione e tanto tanto amore ecco la mia ricetta…!!


Info autore Visualizza tutti i post Website autore

Esperienze sul Gargano

Maggiori info sull'autore
Quì

Leave a Reply